La via del Lupo per vendere di più

wolf1Realizzare i propri sogni come venditore o imprenditore nasce sicuramente da una lunga serie di competenze delle quali parlo da sempre in questo blog e non solo, ma prima ancora delle competenze ci sono delle caratteristiche della nostra personalità che “tracciano una rotta” e possono darci un’idea della direzione verso la quale siamo diretti.

Prima di attirarmi ulteriori antipatie da chi magari non mi conosce e legge per la prima volta qualcosa che scrivo, è importante chiarire che al di là di un po’ di sana ironia, non vi è alcuna volontà di giudicare un certo tipo di attitudini personali nè scelte di tipo professionale o lavorativo.

E’ però importante tagliare quel velo di ignoranza secondo il quale “tutti possono se si impegnano…” perché vi sono delle pulsioni legate all’innatismo che non possono essere soppresse così facilmente e cercare di percorrere una strada che non è la nostra (in un senso o nell’altro), magari per compiacere qualcuno, è qualcosa di assolutamente poco salutare.

I Lupi non girano con i barboncini

Vi sono piccolissime differenze genetiche tra un lupo e un barboncino, nell’ordine dello 0,000001%. Eppure quella piccolissima variazione genera un’enorme differenza in termini di comportamento e di attitudine da parte delle due specie di animali.

Un barboncino è abituato a mangiare e bere dalla ciotola che si riempie in automatico ogni giorno. Dormono sul divano, sgranocchiano biscottini durante il giorno e i loro padroni li portano a fare i bisognini in fondo alla strada ad orari prestabiliti.

I lupi vivono nei boschi, affrontano ghiaccio e neve, marcano grandi territori con l’urina, dormono all’aperto sul terreno e mangiano ciò che si procurano cacciando.

I barboncini vivono in cubicoli chiamati “cuccia”.

I lupi vivono liberi.

Pare chiaro anche al lettore più distratto a questo punto che il barboncino rappresenta la naturale pulsione di una grande maggioranza di persone nello svolgere una tranquilla vita da dipendente con lo stipendio “sicuro” tutti i mesi.

Il lupo rappresenta invece la pulsione per la libertà assoluta, la voglia di esplorare l’ambiente e i propri limiti, guadagnare per quanto si vale e non dover dipendere da nessuno. Roba che solo venditori e imprenditori si possono permettere.

Ora, sia chiaro che non vi è nulla di “male” nell’avere pulsioni nell’uno o nell’altro senso, ma è importante invece chiarire come riconoscere il proprio “ceppo genetico” e seguirlo sia un pilastro fondamentale delle proprie possibilità di raggiungere la felicità e la realizzazione personale.

La faccio facile e la dico con parole semplici: Se dentro di te sei un barboncino, il mondo brutto e cattivo là fuori non fa per te. Ghiaccio e neve ti arruffano il pelo delicato e se dovessi alzare il culo e mangiare per quanto cacci, probabilmente faresti prima a diventare un cane vegano.

Ci sono molte persone che fanno il “venditore come ripiego”, oppure si schiantano il TFR dei genitori per “aprire un bar”, nell’illusione di diventare imprenditori. Tutte queste persone sono barboncini che cercano di entrare a far parte di un mondo selvaggio dove un branco di lupi non potrà mai accettarli. Di solito fanno una brutta fine.

Dall’altro lato però ci sono lupi che sono finiti per sbaglio in un allevamento di barboncini, nati e cresciuti in mezzo a loro e che sviluppano presto una forte insofferenza per quel tipo di vita comoda ma piatta e “noiosa” dal loro punto di vista.

C’è sempre dentro di loro quello che Jack London chiamava “Il richiamo della foresta”, ma nonostante siano progettati come lupi, spesso circondati da barboncini si scordano chi sono veramente e non riescono a comprendere appieno il loro vero potenziale.

Molti di loro rimangono “bloccati” in un recinto sotto la pressione sociale e le aspettative dei parenti e degli amici o più in generale del gruppo dei pari, e passano la vita a credere di essere dei barboncini (un po’ tipo “L’ aquila che si credeva un pollo” di De Mello, ma molto peggio… perchè un lupo diventa pure nevrotico e impazzisce con il passare del tempo).

banner

Differenze di mentalità, differenze nei risultati

barboncinoUn barboncino crede sul serio che il giorno della sua nascita sia nato contemporaneamente da qualche parte un tizio in un altro reparto maternità, che ha la responsabilità di dargli un lavoro!

Un lupo sa di essere nato predatore, che il mondo è vasto e il suo territorio dipenderà da quanto diventerà abile, arguto, intelligente e forte tanto da farsi rispettare dagli altri. Più sarà “lupo” e libero, più il mondo sarà a sua disposizione.

Un barboncino crede di avere diritto alle ferie pagate, e di poter staccare esattamente alle 18.00 tutte le sere anche se il lavoro non è finito, perché alla fine “la casa è del padrone”.

Un lupo come venditore, sa che dovrà rimanere fuori spesso fino a tardi, dovrà saltare il pranzo per non farsi scappare una grossa preda nel primo pomeriggio e che dovrà stringere i denti in tempi di magra perché alla fine la sua caccia verrà premiata.

Un lupo che sia un vero imprenditore, sa per istinto che deve pagare regolarmente i suoi dipendenti, anche se questo significa iscrivere nuovamente ipoteca sulla propria casa, indebitarsi con le banche o chiedere altri tipi di favori a persone poco raccomandabili (mai capitato?).

I lupi lavorano 14 ore al giorno senza sosta mangiando riso e fagioli nell’attesa che il proprio business parta e i loro sforzi vengano premiati. Il barboncino beve il latte dalla ciotola e mangia i suoi croccantini e non rinuncia mai al suo week end a Pinarella.

Una delle cose che devo confessare tra i miei tanti limiti personali, è la mia assoluta incapacità di non “azzuffarmi” verbalmente con un certo tipo di persone.

Mi capita sempre. Vengo invitato a qualche cena, festa, riunione ecc… arrivo, mi siedo, mi presento e subito il mio cervello mi urla la parola:

“Barboncini!!!Barboncini!!!Barboncini!!!”

Con qualche eccezione, sono tutti dipendenti. Che sarebbe una cosa fantastica e lodevole SE non si lamentassero del loro capo stronzo, del fatto che non possono più permettersi un cellulare nuovo ogni mese, che devono rinunciare alla serata con il drink in mano a dondolarlo fuori da un locale che raduna altri barboncini come loro ecc…ecc…

Questi barboncini sono così. Finchè va tutto bene, pace. Appena ricevono qualche croccantino in meno dalla vita, diventano persone insopportabili, negative, irriconoscenti, irresponsabili, sempre pronte a puntare il dito o a lamentarsi di qualcosa o qualcuno.

Il ché, sinceramente, non sarebbe nemmeno così “brutto” se semplicemente mi lasciassero in pace e mi permettessero di entrare nel mio isolamento zen nel quale guardo tutti con compassione buddista e un amabile sorriso.

Il problema è che i barboncini hanno il cattivo gusto di chiedermi “cosa faccio” di mestiere. Se prima o poi sarai un imprenditore seriale, scoprirai come sia impossibile spiegare questo concetto ai barboncini. Finiranno dopo averti ascoltato con occhi a palla per qualche secondo a scrollarsi e chiederti:

“Sì ok, ma TU che lavoro fai?”

Dopo che gli iper-semplifico il concetto in modo che possa essere comprensibile a una procavia, l’inevitabile e desolante risposta è: “Ah vabbhé, ma tu sei stato fortunato!”.

Frase che in automatico fa scattare dentro di me la voglia di sangue e fa uscire il lupo che cercava di starsene buono buono senza aggredire nessuno. Lite della serata assicurata.

Lo so che magari non dovrei essere così sprezzante e indisponibile, ma confesso che è troppo divertente per perdere il vizio tutto di colpo :D

banner

I lupi sono guerrieri e predatori

Alcune persone sono nate per combattere. E’ così da sempre. Sin dall’alba dei tempi esiste una stirpe guerriera diversa dal resto della popolazione che se non trova una battaglia da combattere, un proposito al quale dedicarsi, finisce per mettersi nei guai in un modo o nell’altro.

Non a caso a ROMA i nostri Avi, tenevano impegnati in tempo di pace le truppe facendole dedicare a pesanti lavori di costruzione e fortificazione, affinché avessero mente e corpo impegnati in qualcosa.

Stessa cosa accadeva nel Giappone feudale, nella gestione da parte dei nobili dei propri samurai ecc…ecc…

Non a caso, in città con quartieri degradati in tutto il mondo, insegnanti di pugilato o di lotta, si impegnano costantemente a “togliere bulli dalla strada”, spesso rendendoli veri e propri campioni non solo nello sport ma nella vita.

Quelli sono chiari esempi di ragazzini “lupo” che senza una giusta guida, si stavano infilando in una strada pericolosa e che li avrebbe condotti a farsi del male e a rovinare la propria vita.

Dall’altro lato, non c’è niente di peggio di un lupo guerriero che non ha un lavoro adatto al suo carattere, non ha una “missione” e un proposito speciale.

Sfortunatamente, so per certo che moltissimi lupi che crescono nell’ambiente sbagliato, semplicemente diventano “evirati”, perdono lo spirito combattivo e si costringono a una vita da barboncino sul divano a guardare serie TV mentre sgranocchiano pop corn per il resto della loro vita.

Il problema, lo ridico per chi non ci arriva, non è essere un barboncino. Il barboncino è CONTENTO del suo stile di vita e va benissimo così.

Il lupo che si costringe o permette a forze o persone esterne di forzarlo a vivere una vita da barboncino, finisce inevitabilmente in depressione e la sua vita diventa per forza un inferno.

Molti miei studenti che si trovano in un momento “difficile” della propria vita, mi chiedono come affrontarlo. Il punto è che io non ho competenze che possano aiutarli da quel lato e allora li affido alle “cure” di chi può liberarli da un momento da “barboncino” nella loro vita da lupo.

Moltissimi tra i miei studenti, mi sono stati molto grati per avergli consigliato spassionatamente i corsi di Roberto Re, che tra le altre cose oltre a essere il formatore top in Europa per la crescita personale, mi omaggia della sua amicizia.

L’altro giorno, parlando con Roberto, mi ha passato “in anteprima” come facciamo usualmente tra di noi un filmato che parla di un suo percorso, l’Emotional Fitness, dove ci sono proprio alcuni dei miei studenti che rilasciano in video la testimonianza di cui ti parlavo sopra.

Vabbhè, te lo faccio vedere qualche ora prima che lo pubblichi lui dai, lo trovi qui sotto :D (clicca sull’immagine qui sotto!)

Schermata 2014-06-11 alle 11.50.34Posto che il filmato è a mio modesto parere il Gold Standard dei filmati per corsi che abbia mai visto (sinceramente nemmeno Tony Robbins ha dei promo così ben realizzati, Roberto proprio quando se la vuole misurare non ne lascia per nessuno :D ), penso che il vero segreto stia nel messaggio che contiene.

Te lo faccio vedere non tanto perché Roberto è mio amico (anche per quello ma non è questo il punto), quanto proprio perché molte persone che hanno frequentato prima i suoi corsi e poi sono venute da me, hanno approcciato la materia “vendita professionale” con una marcia e una decisione in più.

Così come persone che hanno acquisito ai miei corsi tutti gli strumenti necessari per vendere di più, grazie ai corsi di Roberto hanno potuto “liberarsi” di tutta una serie di zavorre e blocchi che le tenevano comunque a terra e non gli permettevano di ottenere i risultati che meritavano.

Il Lupo è libero e decide del suo destino liberamente

Tornando a noi, essere un lupo è una strada per pochi. I barboncini sono sempre in maggioranza e lo saranno per sempre.

Capisco bene, essendoci passato, quanto sia difficile resistere al desiderio di accontentare tutti, di uniformarsi per essere pienamente accettato, di rinunciare a sè stessi, al proprio sogno di emergere nella vendita o di diventare un bravo imprenditore per seguire il richiamo del “branco di barboncini”.

Quello che posso dirti, per esperienza personale, è che la vita è dura. Nessuno sa picchiare forte come picchia la vita e se scegli la strada del lupo, a volte le darai e a volte le prenderai. Ci saranno giorni magari dove non troverai la ciotola di latte caldo.

Giorni dove ti verrà voglia di mollare. Dove le gambe ti cederanno e vorrai dire “Basta, non ce la faccio!”.

Sono quei giorni dove invece dovrai stringere i denti e ricordarti che sei un lupo che vive al freddo. Dovrai ricordarti che sentire i morsi della fame è il modo nel quale un vero lupo diventa più abile nel cacciare, più resistenze alle sferzate dell’ambiente e della vita e più forte di qualunque barboncino sulla faccia della terra.

La via del venditore, la strada dell’imprenditore. La via del lupo e la via del guerriero.

Ci sono archetipi scritti nel nostro codice genetico e ai quali non ci possiamo sottrarre. Spetta a noi vivere la vita migliore che possiamo.

Sarebbe un peccato sprecarla, no?

Rock ‘n Roll!
banner

Scrivi qui i tuoi commenti

65 comment

  1. Rosario Beneduce
  2. Paolo
  3. Giuseppe
  4. Gloria
  5. Enzo
    • Giuseppe
  6. Luciano
      • Luciano
  7. Vito
  8. Franca
  9. Alessio La Neve
  10. Biagio
  11. Massimo
  12. Mark
  13. Max
  14. Renato
  15. William
  16. Alberto
  17. Roberto Grandis
  18. Fiorella
  19. Gian Franco Dossona
  20. Ago
  21. Franco Guzzo
  22. Andrea
  23. Rosaria
  24. Italo
  25. Armando
  26. Pietro
  27. Carlo
      • Carlo
        • Carlo
  28. Gloria
  29. Lorenzo
  30. Stefano
  31. Alessandro